No Comments » Press Release

posted on August 5th, 2013 by fairplay in fairplay

La rada è lo spazio d’arte contemporanea presente al secondo piano delle ex scuole comunali, l’edificio che diverrà Palazzo del Cinema, posto tra la grande rotonda e Piazza Grande.
Venerdì 9 alle 18 vi si apriranno due grandi eventi, con vernissage e party:
- la rassegna di “video pamphlet” Off Side, curata da Franco Marinotti – produttore di cinema sperimentale ed organizzatore dei festival Fair Play, a Berlino e Lugano e
- il festival di arti performative The State of Making Things – in pratica la produzione di un film d’arte ma che non origina alcun film – curato da Sarah Bernauer, Franziska Glozer e Garrett Nelson (Basilea/Zurigo).
I due eventi, che coinvolgono un gran numero di artisti di alto livello, svizzeri ed internazionali, si svolgeranno ogni sera a partire dalle 18 fino all’una di notte, secondo il programma inserito nel sito www.larada.ch.
E’ importante notare che entrambe le programmazioni sono interamente ad ingresso libero.

Share this:
  • Print
  • Digg
  • Facebook
  • LinkedIn
  • Twitter
  • RSS

 

No Comments » Off Side

posted on August 5th, 2013 by fairplay in fairplay

Off Side è una rassegna-piattaforma di film e video focalizzati sulla relazione tra pratiche artistiche ed azione politica, comprendente sia medio-lungometraggi proiettati ad orari prefissati, che corti e videoinstallazioni in visione continuata su monitor.
I suoi screenings includono lavori di filmmaker come: Zanny Begg & Oliver Ressler, Pavel Braila, Carlos Casas, Chen Chieh-jen, Robert Iolini, Janez Janša, Chiu-han Linda Lai, Armando Lulaj, Angela Melitopoulos, Frédéric Moser & Philippe Schwinger, Deimantas Narkevicius, Ellen Pau, Ibrahim Quraishi, Koka Ramishvili, Mario Rizzi, Yin Shan, Jaan Toomik, Alejandro Vidal, Lo Chun Yip.
Differentemente da una rassegna tradizionale di videoarte, i filmati son stati selezionati anche per il loro contenuto filmico e narrativo, il che permette al pubblico una maggiore partecipazione alle opere proposte.
Alcuni dei registi saranno presenti a Locarno: il pubblico e la stampa potrà incontrarli presso la rada. Il programma specifico sarà visibile nel sito www.fairplay-lugano.com.

Share this:
  • Print
  • Digg
  • Facebook
  • LinkedIn
  • Twitter
  • RSS

 

No Comments »

posted on July 21st, 2013 by fairplay in fairplay

Locarno’s major film festival attracts an audience that love movies and its cultural flair. Whereas the official Film Festival Locarno provides a bandwith of cinema movies, la rada is proud to offer an intense program of movies that are non-mainstream, as well as artistic stimuli and insights of film making.
La rada is a contemporary art space on the second floor of the former municipal school, the building that will become the Festival Palace, located between the large roundabout and Piazza Grande.
Friday the 9th at 6pm will be the commencement of two major events, with a vernissage and a party organized by Motel Campo, Geneva:
- Off Side, a review of “video pamphlet”, curated by Franco Marinotti – producer of experimental film and organizer of Fair Play festival, in Berlin and Lugano
- The State of Making Things – in practice an art film production that does not generate a cohesive film – edited by Sarah Bernauer, Franziska Glozer and Garrett Nelson, Basel/Zürich.
The two events, which involve a large number of high-profile artists, Swiss and international, will take place every evening from 6pm until one o’clock at night, according to the program present on www.larada.ch website.
It ‘important to note that both programs are entirely free entry.

Off Side is a video and film platform dealing with the relationship between artistic practices and political action, including both medium-length films projected on a fixed schedule, and short or video installations in continuous viewing on monitors.
It includes screenings of works by filmmakers such as: Zanny Begg & Oliver Ressler, Pavel Braila, Robert Iolini, Janez Janša, Linda Lai, Moser & Schwinger, Deimantas Narkevicius, Ellen Pau, Ibrahim Quraishi, Koka Ramishvili, Mario Rizzi, Yin Shan, Jaan Toomik, Alejandro Vidal, Lo Chun Yip.
Unlike a traditional festival of video art, movies have also been selected for their filmic and narrative contents, which allows the public a greater participation.
Some of the filmmakers such as Frédéric Moser and Philippe Schwinger will be present in Locarno where the public and press will be able to meet them at la rada.
The whole program will be available on the site www.fairplay-lugano.com.

The State of Making Things title derives from the important Wenders’ film, The State of Things. The emphasis is on the space and time of a film making – the set and the shooting – whereby the individual actions are more important than the mythic film product.
The set is housed in one of the two rooms of la rada and a long line up of artists and performers – many among the best of the Swiss scene – will depart from the work of Wenders in thinking about deconstructed filmmaking. The documentation of the project is not only filmic but is made up of a setting in flux, written texts and scripts, documenting the contributions, events and
performances. The participating artists are: Annette Amberg, Sarah Bernauer, Domenico Billari, Stefan Burger, Martin Chramosta, Nicolas Dauwalder, Franziska Glozer, Mélodie Mousset, Garrett Nelson, Jordan T Rush, Manuel Scheiwiller, Veronika Spierenburg, Mirjam Spoolder, Bohdan Stehlik & Una Szeemann, Li Tavor, Pop X, and Roy and the Devil’s Motorcycle.
Everything will be very enjoyable and participatory for the audience, that will learn the program, day by day, from the site thestateofmakingthings.blogspot.ch.

Both programs will continue for ten evenings, until Sunday 18 August, when the film festival will be just a beautiful memory…

Share this:
  • Print
  • Digg
  • Facebook
  • LinkedIn
  • Twitter
  • RSS

 

3 Comments » Off Side

posted on July 9th, 2013 by fairplay in fairplay

una rassegna di film & video curata da Franco Marinotti

Share this:
  • Print
  • Digg
  • Facebook
  • LinkedIn
  • Twitter
  • RSS

 

2 Comments » La Rada Locarno

posted on June 18th, 2013 by fairplay in fairplay

Two simultaneous events at “la rada”, space for contemporary art from Friday 9 August through Sunday 18 August.
The State of Making Things
Wim Wenders movie The State of Things is the starting point for a series of events by contemporary artists from all over Switzerland, curated by Franziska Glozer, Sarah Berneuer & Garrett Nelson

Fair_Play / Artist Movies Screenings
A selection of artist movies and videos with meetings with the public and apero, curated by Franco Marinotti

Share this:
  • Print
  • Digg
  • Facebook
  • LinkedIn
  • Twitter
  • RSS

 

No Comments » Festival di Locarno

posted on December 10th, 2010 by fairplay in fairplay

Il Consiglio di Stato non ha paura degli zombie (Corriere Del Ticino).
“Impensabile un’ingerenza politica nelle scelte artistiche”……per fortuna..

Share this:
  • Print
  • Digg
  • Facebook
  • LinkedIn
  • Twitter
  • RSS

 

3 Comments » Modern art was CIA ‘weapon’ by Frances Stonor Saunders, The Independent

posted on November 2nd, 2010 by fairplay in fairplay

Incredible story….
…click here to read the article

 

No Comments » Fuori dal coro “quella crociata contro il Festival” di Giò Rezzonico su il caffè

posted on October 31st, 2010 by fairplay in fairplay

Leggo con interesse il suo intervento di oggi sul Caffè e sono in grandi linee d’accordo con quanto lei scrive.
La sua tesi è più che sensata e rispecchia un comportamento auspicabile in ogni circostanza quando si cerca di far valere le proprie critiche e pensieri in genere.
Cerchiamo di essere costruttivi ! Giusto.
Non vedo però per essere sincero nel suo intervento, un’analisi chiara in merito al programma del festival di quest’anno nel suo intero.
Ho paura che si voglia dare troppo importanza per semplicità di dibattito e/o polemica a soli tre lavori, quelli incriminati e che hanno fatto molto parlare di se, e non solo a Locarno.
A mio modesto parere questi tre lavori, purtroppo per la direzione artistica del festival, e per fortuna per la critica, non rispecchiano affatto la linea di programmazione del festival.
Penso invece che Pere si sia anche lui un po’ trincerato dietro quei tre lavori per aggiungere un po’ di “glamour” alla programmazione.
Cosa lecita per carità se si deve mettere in piedi un festival in quattro e quattr’otto, ma mi sembra lui di tempo ne avesse avuto a sufficienza.
Ecco, penso che Locarno non debba aver bisogno dell’ausilio del “glamour commerciale” per garantirsi un pubblico, ma questo è solo un piccolo peccato veniale da parte della direzione artistica che si può facilmente perdonare con una piccola penitenza, se non diventa nella norma.
….click qui per l’articolo di Giò Rezzonico

 

No Comments » Post by Nichi Vendola: con i lavoratori del cinema

posted on October 28th, 2010 by fairplay in fairplay

Personalmente penso che le crisi si superano tagliando le spese inutili ed improduttive, gli sprechi. La cultura ed il cinema, non mi sembra facciano parte di questo elenco, e mi sembra di capire che anche Vendola con quanto scrive nel post a seguire sia della mia stessa idea ovviamente……more

 

No Comments » “Illiberale e moralista la crociata anti Festival” by Libero D’Agostino su il Caffé

posted on October 26th, 2010 by fairplay in fairplay

In effetti concordo pienamente sul testo di questo articolo apparso domenica.
Ho avuto modo di vedere L.A. Zombie durante la programmazione del festival del film di Locarno e ne sono rimasto favorevolmente impressionato o forse “intrigato” per la sua particolarità, ironia grottesca, capacità interpretativa eccezionale ed assolutamente non violenta ne volgare di tutto il cast ed il tutto farcito da una coreogarfia folle ma non offensiva e comunque interessante, innovativa.
Un lavoro che può far discutere, anzi deve far discutere e generare critica, commenti e dibattito costruttivo.
Non ho intravisto nulla di pornografico nel modo più assoluto ed a conferma di questo, erano le reazioni del pubblico, divertito o al massimo annoiato, ma non certo scandalizzato dalle immagini, talmente assurde ed irreali….
La scelta di Olivier Père dunque la ritengo non azzardata, anzi penso che i film sotto accusa siano forse la parte più interessante del programma...more